NEST Napoli est teatro

Orari e prezzi

Scheda artistica

Foto

Date
12 dicembre alle 21.00

13 dicembre alle 21.00

Prezzi
Intero - 12 €
Ridotto (under 25 e over 65) - 10€

Per info e prenotazioni:
info.teatronest@gmail.com

Tel.  3208681011 / 3382376132

 

Acquista comodamente online

Acquasanta (Emma Dante) 12/12
Acquasanta (Emma Dante) 13/12

Ridotto (under 25, over 65, soci CasertaFilmLab)

Acquasanta è il primo capitolo della Trilogia degli Occhiali composta da tre spettacoli autonomi ma

indissolubilmente legati da temi di marginalità: povertà, vecchiaia e malattia. Tutti i personaggi

della trilogia inforcano gli occhiali. Sono mezzi cecati. Malinconici e alienati.

 

Acquasanta, capitolo I

Con Carmine Maringola

“Mille cose sai tu, mille discopri,

che son celate al semplice pastore.

Spesso quand’io ti miro

Star così muta in sul deserto piano,

che, in suo giro lontano, al ciel confina;

ovver con la mia greggia

seguirmi viaggiando a mano a mano;

e quando miro in cielo arder le stelle;

dico fra me pensando:

a che tante facelle?

Che fa l’aria infinita, e quel profondo

Infinito seren? Che vuol dir questa

Solitudine immensa? Ed io che sono?”

Canto notturno di un pastore errante dell’Asia,

 

G. Leopardi

 

“Aggio visto a barriera corallina… e ‘u sole dirimpetto alla luna ca si lanciavano i raggi, li annodavano e li facevano

scennere dintra ‘o mare… aggio visto ‘o mare ca pigliava colore… e un pesce spada ca teneva due spade… e ‘na

medusa gigantesca ca s’arravugliava nei raggi d’o sole e d’a luna…. e ‘o pesce palla ca dintra d’isso teneva futuro e

passato… aggio visto il polipo arlecchino coi tentacoli ‘i tutti ‘i colori e i pisci tropicali ca ci ballavano sopra e sotto… e il Cristo di Rio, aggio visto, ca si tuffava dal Corcovado, a petto ‘i palomma…. aggio visto l’atro lato d’o munnu…. ‘o Giappone… a ro steveno ‘i pisci cu l’occhi a mandorla…. e un galeone di tre secoli fa…. chino ‘i gente che ballava… e che cantava i canzoni ‘i n’a vota… e n’iceberg…. enorme… ca si scioglieva in lacrime di cristallo….dintra all’abisso d’o mare….”.

Un uomo si ancora sul palcoscenico, a prua di una nave immaginaria. Sta. Esperto nel manovrare gli ingranaggi che muovono la simulazione della nave, ‘o Spicchiato si salva dalla finta burrasca che mette in scena per

rievocare i ricordi della sua vita di mozzo. È imbarcato dall’età di 15 anni e da allora non scende dalla nave. Non crede alla terraferma, per lui è ‘n’illusione. Sopra la sua testa pende il tempo del ricordo: una trentina di contaminati ticchettìano inesorabili. Poi suonano e tutto tace. Il mare smette di respirare e ‘o Spicchiato rivive l’abbandono. Un giorno la nave salpa senza di lui, lasciandolo solo e povero sul molo di un paese straniero: la terraferma. Proprio lui che senza la nave si sente perso, lui che ha votato la sua vita alla navigazione, lui che giorno e notte ha bisogno di parlare con il suo unico grande amore: il mare. Le voci della ciurma, del capitano, gli rimbombano nella testa e ‘o Spicchiato, cantastorie, tira i fili dei suoi pupi. Ma nell’attesa del ritorno della nave, il mozzo, a prua, diventa di legno come polena di un vecchio galeone.

 

Emma Dante

 

Concorsi

 

Mostre

NEST Napoli est teatro - Via Bernardino Martirano, 17 (ex scuola Giotto-Monti) Napoli